Legge 231: norme d’applicazione e sanzioni 

a Reggio Emilia

Gli avvocati dello Studio Legale Esposito di Reggio Emilia propongono un’impeccabile servizio di consulenza e assistenza legale in merito alla normativa che ha introdotto il “sistema punitivo delle persone giuridiche”. Il decreto legislativo numero 231/2001 ha, infatti, invertito il principio per cui “societas delinqueri non potest”, attuando una normativa che stabilisce un sistema punitivo per le persone giuridiche. Rivolgetevi alla professionalità dello Studio Legale Esposito a Reggio Emilia per maggiori informazioni, consulenze e assistenza legale dedicata. 

Applicazione della Legge 231

Avvocato nel suo studio

Gli avvocati dello Studio Legale Esposito, a Reggio Emilia, si occupano di assistere le personalità giuridiche che necessitano di consulenza legale riguardo le norme d’attuazione della Legge 231. Tale normativa ha introdotto un’importante modifica alla legge dedicata alla responsabilità degli enti e delle associazioni. Per personalità giuridica s’intendono gli enti, le associazioni, le fondazioni e le società. Tali personalità giuridiche, in base alle novità introdotte dalla Legge 231 del 2001, sono soggette a sanzioni causate dai reati descritti nella stessa normativa. 


Questi reati, chiamati “reati presupposti”, coinvolgono diversi collaboratori della personalità giuridica accusata, colpevoli di aver agito per nome o per conto dell’ente, associazione, società o fondazione di riferimento. I reati commessi da dirigenti, amministratori, funzionari, dipendenti, collaboratori esterni o comunque soggetti che hanno agito per conto della personalità giuridica, causano una responsabilità legale alla stessa, accusata di aver tratto vantaggio e perpetrato azioni illegali per il proprio interesse. 


Lo Studio Legale Esposito a Reggio Emilia fornisce consulenze dettagliate riguardo le norme d’applicazione della Legge 231, miranti a chiarire le responsabilità di enti, associazioni, società e fondazioni accusate di aver commesso reati presupposti. 


Le sanzioni previste dalla Legge 231

redazione di un documento legale

Nel caso in cui la personalità giuridica venisse giudicata colpevole di un reato descritto dalla Legge 231, le sanzioni cui dovrà rispondere possono essere di carattere pecuniario, sanzioni interdittive, ablatorie o morali. 


Lo Studio Legale Esposito, a Reggio Emilia, propone consulenze personalizzate in base ai casi specifici. Gli avvocati sapranno assistere l’ente, l’associazione, le società e le fondazioni condannate alle sanzioni descritte dalla Legge 231.


Le sanzioni pecuniarie possono incidere in modo molto pesante sull’attività dell’ente: il giudice può stabilire, infatti, in base alla gravità dell’errore commesso e alla responsabilità dell’ente, un pagamento di una cifra molto consistente. Il giudice valuta la responsabilità dell’ente anche in base alle misure instaurate dallo stesso nel tentativo di attenuare, prevenire ed eliminare qualsiasi tipologia di reato. 


Le sanzioni interdittive, invece, possono provocare la sospensione o la revoca di autorizzazioni, il divieto di contrattazione con la pubblica amministrazione, l’interdizione dall’esercizio dell’attività dell’organismo di riferimento, l’esclusione da agevolazioni, contributi o finanziamenti e, infine, il divieto di far pubblicità alla propria attività.


Le sanzioni ablatorie presuppongono la confisca dei beni, mentre le sanzioni morali comportano la pubblicazione della sentenza di condanna.

Share by: